Notovacanzesicilia - Turismo e Vacanze in Sicilia
HOME > Turismo Sicilia > Turismo Balneare

Sicilia sud orientale - Turismo balneare

Mai entrato in crisi, il turismo balneare in Sicilia, specie nelle province di Ragusa e Siracusa, registra piuttosto una costante crescita. Il settore è sostenuto e supportato non solo dalle catene di grandi alberghi sorti in questo territorio ma anche, e soprattutto, dalla miriade di b&b, case vacanze e agriturismo che offrono ospitalità ad un numero sempre maggiore di turisti che scelgono la Sicilia sud orientale come meta per la loro vacanza. I circa 180 km di costa, curiosamente, si affacciano per metà sul Mare Ionio e per l’altra metà sul Canale di Sicilia e presentano bellissime spiagge di sabbia dorata e finissima, frammiste a insenature e scogliere che si tuffano in un mare sempre cristallino.
Gran parte delle spiagge gode del riconoscimento di legambiente che le ha classificate 5 vele per la limpidezza, la trasparenza e l’assoluta pulizia del mare che le bagna, indicandole tra le favorite per la sicura balneazione. Alcune località balneari si trovano in aree protette e sono molto gradite ai vacanzieri che preferiscono la maggiore privacy e tranquillità rispetto alle località a forte vocazione turistica. Tutti i centri balneari disseminati lungo le coste sono ben collegati; nel periodo estivo, numerose attività ricreative e culturali allietano la permanenza dei turisti e, nel contempo, richiamano un notevole flusso turistico locale.

Le spiagge e le scogliere che decorano la Sicilia sud orientale

Procedendo da Catania verso Siracusa, non appena superata la foce del fiume Simeto, si presenta alla vista la bellissima spiaggia di Agnone Bagni, subito dopo la costa si innalza formando delle scogliere ed insenature affascinanti quali Castelluzzo, Arcile e Brucoli fino a giungere ad Augusta. La costa tra Augusta e Siracusa, purtroppo, è compromessa dalla presenza di industrie e raffinerie, sebbene la spiaggia di Fondaco Nuovo, in territorio di Melilli, sia alquanto frequentata. Superata la penisola della Maddalena, a sud di Siracusa, la cui costa si presenta alta, fino a giungere a Potopalo di Capopassero, si susseguono una infinità di spiagge e basse scogliere dalle acque azzurre e cristalline: Milocca, Arenella, Ognina, Fontane Bianche, Pineta del Cassibile, Lido di Avola, Lido di Noto, Eloro, Vendicari, San Lorenzo, Marzamemi, per finire sulla costa sud con la spiaggia Granelli e la Marza. Da qui inizia la costa ragusana con la meravigliosa e lunghissima spiaggia di Santa Maria del Focallo, che giunge fino all’abitato di Pozzallo. Proseguendo verso ovest, si incontra la spiaggia di Marina di Modica, tra le scogliere di Punta Religione e Pisciotto, nonché la spiaggia di Sampieri. Molto varia è la costa di Cava d’Aliga, col quel susseguirsi di spiagge frammiste a scogli, quindi si arriva alle spiagge di Donnalucata e Marina di Ragusa. Continuando il nostro percorso verso ovest, ci ritroviamo nella splendida baia di Puntasecca, per finire il nostro viaggio lungo le coste della Sicilia sud orientale con le spiagge di Scoglitti e di contrada Macconi.

Potrebbero interessarti anche:
itinerario Barocco
itinerario cinematografico
itinerario naturalistico
turismo enogastronomico

Selezione delle più belle spiagge e scogliere della Sicilia sud orientale dove trascorrere un'indimenticabile vacanza al mare

.
arenella
Spiaggia Arenella - Siracusa
calamosche
Spiaggia Calamosche - Vendicari
eloro
Eloro - Lido di Noto
fontane bianche
Fontane Bianche - Siracusa
gelsomineto
Pineta del Marchese - Cassibile
granelli
Granelli - Siracusa
lido di avola
Lido di Avola
lido di noto
Spiaggia attrezzata di Lido di Noto
vendicari
Vendicari
pineta del cassibile
Pineta del Cassibile - Gelsomineto
calamosche
Calamosche
chiusa di carlo
Chiusa di Carlo - Avola
chiusa di carlo
Costa Chiusa di Carlo - Avola
costa delle concerie
Costa delle Concerie - Pachino
scogliera di noto marina
Falesia di Noto Marina
scogliera di ognina
Ognina - Siracusa

Notovacanzesicilia: portale turistico per la Sicilia Sud Orientale

ultimo aggiornamento due marzo duemilasedici