Itinerario Barocco - L'Arte Barocca in Sicilia
HOME > Turismo Sicilia > Barocco

Sicilia sud orientale - L'Arte Barocca

Informazioni turistiche per scoprire il fascino dell'arte Barocca in Sicilia sud orientale

Tutto inizia da quell’immane terremoto che nel gennaio del 1693 scuote l’intero Val di Noto provocando morte e distruzione, tanto da costringere i sopravvissuti a ricostruire per intero, o quasi, le loro città, in alcuni casi abbandonando anche i vecchi siti.
In epoca tardo barocca, caratterizzata dalla sfarzosità, dall’esagerazione, dal contorto, dal grottesco e dal desiderio di esprimere il proprio ruolo o la propria potenza, sia la Chiesa che le nobili famiglie assumono fra le maestranze abili scalpellini che trasformano i blocchi di pietra in vere e proprie opere d’arte. Nascono così un’infinità di figure quali putti, leoni, sirene, maschere grottesche, ecc. che decorano, come gemme incastonate in un gioiello, chiese e palazzi nobiliari costruiti secondo i canoni delle più recenti tecniche dettate dai grandi architetti chiamati a ricostruire le città senza trascurare la gerarchia sociale delle varie istituzioni (chiese e conventi si concentrano al centro delle città, mentre i palazzi nobiliari sorgono nella parte alta) e la necessità di ampliare gli spazi relativamente alle vie principali ed alle piazze (i tipici vicoli stretti della struttura Medievale erano stati ritenuti la causa principale della perdita di circa 100.000 persone).
Tra le motivazioni espresse dall’UNESCO, quando nel 2002 molte città del Val di Noto vengono dichiarate Patrimonio dell’Umanità, spiccano: “l’eccezionale testimonianza dell’architettura tardo Barocca” e “il grande risalto della qualità di questo patrimonio, scaturito dalla ricostruzione contemporanea delle città” (e dire che per i viaggiatori del ‘700 le costruzioni barocche del Val di Noto erano un’offesa all’arte classica, perfezionista e votata al “gusto del bello”).
Tale riconoscimento vale un notevole incremento del flusso turistico nella Sicilia Sud Orientale ed in particolare nelle province di Ragusa e Siracusa dove è particolarmente alto tanto il numero delle città inserite dall’UNESCO nella lista dei Patrimoni dell’Umanità, quanto l’eccezionale quantità e qualità delle costruzioni che si possono ammirare. Un turismo di qualità, non più attento solamente alle fantastiche spiagge del territorio, ma rivolto anche all’arte e all’architettura di cui le città fanno sfoggio.
Il percorso ottimale per la visita dei maggiori monumenti in stile Barocco coinvolge, ovviamente, le cinque città elette “Patrimonio dell’Umanità”: Noto, Palazzolo Acreide, Ragusa, Modica e Scicli. Di seguito indichiamo i principali monumenti da ammirare nelle singole città.

Noto

Chiesa di Santa Chiara
Chiesa del Santissimo Crocifisso
Chiesa di San Domenico
Chiesa di Montevergine (intitolata a S. Girolamo)
Chiesa e Convento di S. Francesco
Chiesa di S. Maria del Carmelo (Chiesa del Carmine)
Chiesa di S. Maria dell'Arco
Chiesa di S. Nicolò
Chiesa e Convento del SS. Salvatore
Chiesa di S. Carlo ed ex Collegio dei Gesuiti
Palazzo Battaglia
Palazzo Ducezio
Palazzo Impellizzeri
Palazzo Landolina
Palazzo Nicolacci
Palazzo Rau
Palazzo Trigona

Palazzolo Acreide

Chiesa di San Sebastiano
Basilica di San Paolo

Ragusa

Chiesa delle Anime del Purgatorio (Ibla)
Chiesa S. Giovanni Battista
Chiesa Santa Maria dei Miracoli
Chiesa di Santa Maria dell'Itria (Ibla)
Chiesa di S. Filippo Neri
Chiesa e Convento di S. Francesco Immacolata
Chiesa S. Giorgio (Ibla)
Chiesa e Convento di S. Maria del Gesù
Chiesa S. Giuseppe (Ibla)
Chiesa di Santa Maria delle Scale
Palazzo Nicastro (Ibla)
Palazzo Casentini (Ibla)
Palazzo Battaglia (Ibla)
Palazzo Bertini
Palazzo La Rocca
Palazzo Sortino Trono
Palazzo Zacco
Palazzo Vescovile

Modica

Chiesa di S. Pietro
Chiesa di S. Giorgio
Chiesa del Carmine

Scicli

Chiesa di S. Giovanni Evangelista
Chiesa di S. Michele Arcangelo
Chiesa di S.Teresa
Palazzo Beneventano
Palazzo Spadaro
Palazzo Veneziano Sgarlata

Potrebbero interessarti anche:
turismo balneare
itinerario cinematografico
itinerario naturalistico
itinerario enogastronomico


Notovacanzesicilia: portale turistico per la Sicilia Sud Orientale

ultimo aggiornamento ventidue marzo 2016